Via da Matrix: messaggi in bottiglia aspettando il nuovo anno.

(6×33)
Il lavoro nobilita l’uomo?

Raramente. Molto raramente.
Perché ci nobilitiamo – come esseri umani – solo nella nostra libera espressione creativa.
Dovunque esista un compito o uno scopo che non sia prefissato da noi, non vi è crescita.
Vi è adattamento alle aspettative ed agli scopi altrui o di un “mercato”.
E in questo – non si può negare – c’è lo sviluppo di enormi capacità e talenti.
Ma, che se non vengono orientati verso un proprio intento personale,
non ci portano a progredire come “anime”.
In questo mondo costruito sul debito e – di conseguenza – intorno al lavoro come “oggetto di culto”, non c’è più “tempo nostro”.
Che è il tempio del nostro “Zero”,
che è la casa della nostra creatività.
Ricominciamo dal “tempo nostro”,
riconquistandolo piano piano,
metro per metro.
Con intelligenza, saggezza e determinazione.
E vediamo dove ci porta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...