Via da Matrix: messaggi in bottiglia aspettando il nuovo anno.

(11×33)
Il “pensiero pirata”.

Il periodo tra Natale e Capodanno è sempre stato, per me, come un periodo di “bonaccia” per un marinaio. Come uno di quei giorni di acque calme senza vento che a Gallipoli si interpongono tra il vento di tramontana e quello di scirocco. E’ un momento nel quale riesce naturale dare un’ occhiata all’anno che finisce ed una all’anno che comincia.
A cavallo tra ciò che è già stato e ciò che ancora non è, c’è una finestra di “possibilità”: quella di permettere che un tuo spontaneo “pensiero pirata” prenda forza e si innesti dentro di te.
Un pensiero “pirata” perché non regolamentato dalla tua autorità interna o dal tuo senso del dovere, ma figlio solo del tuo “senso della felicità”. Un pensiero “pirata” perché crede alla ricerca del suo tesoro, non si lascia corrompere dal cinismo e non si lascia fermare da niente e da nessuno. Una convinzione anche piccola, ma che una volta innestata dentro, qualche frutto lo porta sempre. Fai un pensiero “pirata”. Proprio ora. E poi passa del tempo con lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...